La Storia

La Villa venne edificata alla fine del 1600 per volontà del nobile toscano Giovanni Pietro Arrighi di Firenze.

Durante la Seconda Guerra di Indipendenza, nel corso della battaglia di San Martino e Solferino, ospitò il 5° battaglione dei Bersaglieri.

Dopo gli Arrighi, passò ad altri proprietari e, attorno al 1914, venne comprata dal barone Alessandro Monti, che la rimaneggiò per renderla una moderna residenza di campagna.

Nel 1934 passò dalla proprietà dell'On. Tassinari, Ministro dell'Agricoltura, alla famiglia del maresciallo Graziani, ministro e comandante delle forze armate ( periodo 1943-45 ).

Dopo la seconda guerra mondiale fu dei principi Ruspoli di Roma, per poi divenire , per più di 35 anni, un centro per le attività di studio e le attività di formazione per l'IBM Italia.

L'intero complesso, che presenta strutture architettoniche tipiche delle dimore patrizie venete, è inserito in una delle zone più suggestive del Lago di Garda, ed è immersa in un parco secolare (di oltre quattro ettari) ricco di essenze pregiate, di esemplari secolari e di statue con sembianze di divinità pagane Il lungo viale d'accesso sfocia in un ampio spazio antistante la facciata principale, di cui sono ispiratori il Palladio e il Sanmicheli.

CURIOSITA':

Villa La Tassinara come Centro d'Istruzione Ibm | Vittorio Emanuele II a colazione a Villa La Tassinara